Recensione del libro per bambini: Il cavaliere gentile

Pubblicato il
Consigliato
Argomenti
Autore
Helen Docherty
Illustratore
Thomas Docherty
Casa Editrice
Nord-Sud Edizioni
Anno prima edizione
2017
Pagine
32
ISBN
9788865266328

C’era una volta un topino cavaliere. Un cavaliere gentile, però. Che non amava le spade e gli scudi, ma i libri e le storie. E che non sconfiggeva i nemici, ma li trasformava in amici.

Un piccolo cavaliere che ama leggere

“Leo era un cavaliere gentile. Altri altri cavalieri piaceva combattere, ma lui preferiva starsene seduto a leggere un bel libro”. Inizia così questa storia simpatica, divertente e gentile, come il suo protagonista.

E il nostro Leo stava proprio leggendo tranquillo, il giorno in cui i suoi genitori gli annunciano che avrebbe dovuto domare un pericoloso drago.

“Se poi dal drago difenderti dovrai, con lo scudo e con la spada vincerai!”. Questa la convinzione della mamma e del papà di Leo. Ma la storia andrà un po’ diversamente…

Vorrei leggerti una storia…

Leo parte con la spada e lo scudo, e soprattutto con una bella pila di libri. Con il suo cavallo Atrapone, viaggia verso il tramonto finché sul suo cammino incontra un grifone piuttosto bellicoso che lo sfida, invitandolo a combattere. Ma Leo non vuole combattere, e dichiara che farlo non sarebbe giusto dato che possiede una spada nuova e affilata e così la sua vittoria sarebbe scontata. E qui arriviamo al dunque, perché Leo propone al grifone di leggergli una storia. “Una storia dove ci sei anche tu!” gli spiega.

Il grifone accetta, ascolta la storia e alla fine, quando arriva il momento di salutarsi, Leo gli regala il libro.

Il troll che voleva mangiarsi Leo

Il secondo incontro per Leo è con un temibile troll. Il troll è proprio un tipo deciso perché dichiara subito di volersi mangiare il cavaliere gentile (che gli aveva anche offerto un po’ del suo panino). “Ah, ah, ah, mi fai ridere, e sai perché? Perché ho deciso che mangerò te!” annuncia il troll tutto verde con tanto di dentoni e nasone.

Ma ancora una volta Leo si salva grazie a uno dei suoi libri. Il troll accetta di ascoltare una storia e alla fine la storia gli piace così tanto che i due si salutano con gentilezza. Leo gli dona il libro, e il troll si dice grato e felice di averlo incontrato.

Una storia per domare il drago

E così arriviamo al nemico più terribile… Il grande drago che brucia alberi e cespugli e fa “montagnucole di cacca” puzzolente!

Gli abitanti del villaggio, che ormai non uscivano più di casa (per la paura e forse anche per la puzza), pensano che Leo sia arrivato per domare il drago, ma Leo – ormai lo sappiamo – ha i suoi metodi. Funzioneranno anche con il grosso drago? Non vi roviniamo la sorpresa, ma state tranquilli Leo avrà il suo lieto fine.

Disegni e rime che fanno sorridere

Questo libro ha tanti ingredienti per piacere ai bambini: le illustrazioni allegre, ben definite, colorate, i cattivi delle fiabe che poi diventano buoni, il testo in rima, il cavallo Atrapone che fa sorridere già dal nome e… la cacca di drago.

…e regalano un bel messaggio

Bello anche il messaggio del libro, che ci mostra il potere delle storie e propone la gentilezza come chiave per affrontare le prove della vita.

Leo è un personaggio particolare perché è un cavaliere, ma un cavaliere diverso dagli altri e fa piacere vedere che ha il coraggio di essere se stesso. Rimane se stesso anche di fronte alle aspettative dei suoi genitori che non coincidono con i suoi desideri e il suo sentire. E il lieto fine premia la sua coerenza e la sua determinazione.

Per chi amerà questo libro, ci sono altri due volumi di Helen Docherty, illustrati dal marito Thomas: L’acchiappalibri e Abracazebra, pubblicati in Italia da Nord-Sud edizioni.

Il cavaliere gentile può essere letto insieme ai bambini a partire dai tre anni circa. Regalerà un sorriso anche ai genitori!

Segnala Evento - Luogo

Torinobimbi.it pubblica le iniziative di chi aderisce al portale. Puoi aderire a Torinobimbi.it e segnalare eventi, corsi, feste, manifestazioni, estate ragazzi.

Contattaci per avere informazioni sulle modalità di adesione.
Se non hai ancora sottoscritto l'adesione puoi segnalarci comunque la tua iniziativa, la pubblicheremo a nostra discrezione.