L’amministrazione di sostegno – cos’è e quando utilizzarala

Uno strumento fluido ed efficace per tutelare e assistere nel quotidiano familiari con disabilità, anche temporanea. La famiglia si compone di genitori e figli ma spesso, anche di nonni o zii anziani da accudire, di stretti familiari (anche i nostri stessi figli) che per fatti originari o sopravvenuti si trovano in condizione di disabilità o in generale nell’impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri bisogni.

Pubblicato il
Continua

Questioni di eredità chi, quanto, come e perché

Consigliato

Quando viene a mancare un familiare, le cose da fare sono tante e fra queste occorre occuparsi di gestire l’eventuale patrimonio lasciato dal defunto. Non di rado tra i familiari si aprono discussioni che hanno ad oggetto l’eredità, ma pur quando si è tutti d’accordo, spesso non si sa come muoversi per mancanza di informazioni anche di carattere pratico, rimanendo in balia di banche, fisco, uffici pubblici.

Pubblicato il
Continua

Cosa si può fare in concreto se l’ex non paga il mantenimento o c’è il serio rischio che non lo faccia

Consigliato

Il mio ex non versa il mantenimento da mesi, che posso fare?” ; “… tanto lo so che pur di non pagare intesta tutto a sua madre, posso tutelarmi?”; “Le cose vanno per le lunghe, prima di arrivare al divorzio mi sa che si è venduto tutto e si è pure fatto licenziare, c’è qualcosa che si può fare”. Domande come queste ricorrono nella pratica quotidiana. Ecco, per sommi capi, cosa si risponde all’assistito in un primo colloquio in studio.

Pubblicato il
Continua

Genitori social: pubblicare le foto dei figli- limiti legali e ragioni di opportunità

Consigliato

Foto, immagini, video. Tutti sanno che la rete può essere insidiosa perché risulta difficile bloccare la circolazione dei contenuti una volta immessi. Ma quando i soggetti ritratti sono dei bambini, non è solo questo che dovrebbe preoccuparci. Abbiamo chiesto cosa ne pensavano all’avvocata Maria Elena Ferrara e alla psicologa Flavia Cavalero. 

Pubblicato il
Continua

Il minore compie un danno? E io pago…

Consigliato

Il piccolino gattonando sul terrazzo urta un vaso e lo lascia cadere proprio sulle curatissime gardenie della sig.ra del piano di sotto? Al parco, correndo dietro al pallone, il proprio bambino spintona l’amico che scivolando rompe gli occhiali? Per non parlare di fatti più gravi, come il ragazzo che causa un incidente mentre è alla guida del motorino, talvolta con conseguenze significative per le persone coinvolte; oppure casi, purtroppo frequenti, di liti fra coetanei con tragici epiloghi; in aumento poi storie di aggressione di vario genere e natura –  fisiche, verbali o magari per mezzo del web.

Pubblicato il
Continua

Separazione dei coniugi e affidamento dei figli, tra normativa e aspetti pratici

Consigliato

La normativa in materia di affidamento, ampiamente modificata negli ultimi anni, oggi rende concreto Il principio secondo cui in caso di separazione personale dei genitori, il figlio minore ha il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno di essi, di ricevere cura, educazione e istruzione da entrambi, e di conservare rapporti significativi con gli ascendenti e con i parenti di ciascun ramo genitoriale.

Pubblicato il
Continua

Social e messaggistica: le prove dell’infedeltà nelle separazioni e nei divorzi

Consigliato

Mail, SMS , MMS, chat private, social… La particolare facilità, nonché l’apparente riservatezza delle moderne modalità comunicative, spinge verso un uso assiduo e talvolta poco accorto dei tanti strumenti a disposizione.
E così, accade sempre più di frequente che il coniuge sospettoso si metta a “frugare nell’etere” alla ricerca di materiale che possa dimostrare l’infedeltà o altre situazioni “calde” riguardanti il consorte.  Tanta smania di informazioni non si fonda solo su fatti sentimentali.

Pubblicato il
Continua

Nonni e Nipoti, quali diritti e quali tutele

Partiamo dal dato normativo: il nuovo art. 317 bis c.c., così come modificato dal D.Lgs. n. 154/2013, intitolato “Rapporti con gli ascendenti” afferma che i nonni hanno diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni. In caso d’impedimento di questo diritto, si può ricorrere al giudice del luogo di residenza abituale del minore affinché siano adottati i provvedimenti più idonei nell’esclusivo interesse del minore.

Pubblicato il
Continua